Radio Fante


2/11/2013 Pistoia, cerimonia al Cimitero Militare Brasiliano
novembre 2, 2013, 5:12 pm
Filed under: Uncategorized | Tag: , , ,

Si è tenuta oggi una cerimonia in memoria dei caduti del Corpo di Spedizione Brasiliano, che partecipò con la V Armata America alla liberazione del centro italia. Il luogo è stato il Cimitero Militare  Brasiliano in località San Rocco a Pistoia.  I Lupi erano presenti.  

CIMG1438

CIMG1433

CIMG1436



2 giugno 2013 : Festa della Repubblica a Firenze
giugno 5, 2013, 5:03 pm
Filed under: Uncategorized | Tag: , , ,

2013_06_02 Festa Repubblica a Firenze Luciano Daniele



Paoli Sergio : fotografie 1966 1967
marzo 10, 2013, 5:28 pm
Filed under: Uncategorized | Tag: , , ,

Sergio Paoli ci manda una serie di fotografie della sua esperienza al 78° Lupi di Toscana.

 Partono dall’arrivo ai LUPI,nel dicembre 1966 fino al congedo ottobre 1967. Durante la Scuola ACS portava le mostrine dei Carristi, visto che era capocarro. Da Lupo Carrista, con il grado di Sergente fu aggregato al 19° Battaglione Corazzato nel costituendo plotone semoventi (aprile 1966). Il suo diretto superiore era il Tenente Gasperini comandante del plotone.



Da un Lupo dell’ 8° 88
marzo 10, 2013, 1:38 pm
Filed under: Uncategorized | Tag: , , ,

3 polveriere a Grosseto. Campi: Francavilla, Carpegna, e varie esercitazioni in giro per la Toscana come ad esempio lo scontro para’ Siena contro Lupi. Allarmi con false partenze. Salti dagli elicotteriCH. Tavolata di Firenze. 30 curve cucina (da campo perché in caserma  stavano facendo la cucina nuova, e per lavare le pentole, si usava solo retine di ferro e acqua senza sapone!).  A 6 mesi ancora si marciava di brutto. 28 guardie. Circa 2 mesi NCC. Fino a 10 mesi facevamo il contrappello in verde sul riposo formale alto. Poi cambio del colonnello e cambio delle regole.Infatti proprio per questo mi beccai 7 di rigore per atto di nonnismo MA SOTTOLINEO LEALE IN FACCIA da vero Lupo, che scontai a casa grazie al Ten. Roccia … Grande!! Aveva capito quanto ne avevamo tutti sofferto inoltre lui aveva ben presente tutte le coppe e i premi che avevamo fatto vincere al battaglione….Insomma eravamo meritevoli ed giustamente incazzati..infatti io rosicai del fatto che i nuovi arrivati gli fecero fare il contrappello tuta e subito a letto …magari queste cose le ricordi essendo del 89 mentre a noi fino a 7 mesi ancora ci cercavano la polvere sotto le gambe delle brande….o magari ci tiravano i gradi nella stanza oppure ci venivano alle spalle e ci punivano perché non c’eravamo messi sull’attenti ….oppure i primi 7 mesi mentre lavavamo i pavimenti BIANCHI, E SOTTOLINEO BIANCHI, della compagnia ci passavano con gli anfibi sporchi di fango perché dietro la compagnia,ancora non era tutto asfaltato …per questi futili motivi mi beccai pure tra i 40 e i 60 giorni di consegna …Pero’ anche quante soddisfazioni !!  Quando andavamo in giro con la mimetica chiazzata tipo Desert Storm americana eravamo unici!  E come ci guardavano … Facevamo paura!! Insomma ragazzi fino all ‘ 88 la dentro non si scherzava tra addestramento, disciplina e nonnismo legalizzato. Poi verso, mi sembra settembre 1989, cambio del colonnello e molti altri cambiamenti…anzi cambio quasi tutto ..tranne credo l’addestramento … Io a novembre 89 me ne andai.. Comunque mi sono tolto belle soddisfazioni….un’ esperienza indimenticabile… W I LUPI sempre e comunque…Avrei potuto raccontare cose belle di scontri e altro troppo ma sarebbe stato troppo facile … Chi come me e prima di me sa che ai Lupi era così. Pensate solo che arrivavano solo 3 scaglioni l’anno!  Non ti passava mai .. Era possibile che montavi di guardia anche una settimana prima del congedo o anche due giorni prima… La parola nonno esisteva da 10 11 mesi in poi a 8 / 9 mesi ne facevi ancora di botti!!! Ah ah ah EPPURE QUANDO HO FINITO HO PIANTO..e quando ho saputo della chiusura della nostra caserma sono rimasto malissimo ..,.
Comunque LUPI eravamo e LUPI saremo per sempre ….
W I LUPI !! 8/88 gli ultimi della vecchia guardia !



Lupi sempre e ovunque: Sergio Paoli ad Albinia (Gr)

Fedele al nostro motto, “Onora i caduti operando per i vivi”, il Serg. Sergio Paoli, Lupo, socio dell’Associazione e volontario dal 1966 nella Misericordia, ha partecipato  agli aiuti nelle zone di Albinia (nel post alluvione del 2012) portando l’onorata spilla dei LUPI, al suo posto, sotto la striscia nera portanome. Un esempio da seguire !!

2012_10 Paoli Sergio ad Albinia alluvione

Nuova foto durante un corso di aggiornamento presso i Vigili del Fuoco a Prato, con i Lupetti sempre al loro posto.

PAoli Sergio con lupetti corso antincendio a Prato



Fotografie del II° Battaglione “Lupi di Toscana” di stanza a Pistoia

Pubblichiamo con piacere alcune fotografie del II° Battaglione del 78° Reggimento Lupi di Toscana di stanza alla Caserma Marini di Pistoia a cavallo degli anni settanta.

Ringraziamo Antonio Stoppelli e il nucleo di Lupi di Roma che hanno condiviso con noi queste immagini.



Da un Amico dei Lupi
ottobre 22, 2012, 4:47 pm
Filed under: Uncategorized

Buon giorno,

Mi chiamo Filippo Mosti e da poco ho scoperto il Vostro sito e visto il mio particolare attaccamento ai “Lupi” ho deciso di scrivervi ciò che per me hanno significato.

Premetto subito che non ho svolto il servizio di leva presso il 78°, ma abitandovi molto vicino ed avendo avuto sempre una passione innata per la vita militare, ho avuto molto presto l’occasione di entrare precocemente in contatto con questa.
Infatti da bambino, avevo cinque anni, mio babbo mi portò a visitare la caserma dei “Lupi” in occasione della festività del IV Novembre; da quel giorno ogni anno ho atteso quella data come si aspetta il Natale!E quanto tempo ho passato a salire e scendere dall’M47, dall’M113  e da ogni altro mezzo presente!Nelle sere d’estate dalle finestre aperte di casa mia entrava il suono della ritirata e l’ululare dei lupi e l’Io bambino desiderava essere li…
Per non parlare del ricordo del sapore della cioccolata calda fatta nella cucina da campo e offerta ai bambini senza limitazione insieme alle gallette (della ditta CRICH!) e che mi portavo a casa nella loro bella e per me affascinante confezione verde oliva… e quel sapore sarebbe tornato a me nella sua realtà, anni dopo, quando fui chiamato alle armi.Quando questa giunse mi portò ad Arezzo presso il 225° (2°scaglione 1995) e successivamente a Firenze, ma haimè non alla Gonzaga, bensì all’IGM dove dopo aver coseguito le patenti militari restai in forza per un mese circa.Successivamente,su mia richiesta venni trasferito al 27° Groppo Sqd. AV.ES. “Mercurio” sempre a Firenze, vista la mia passione per il volo; di fonte a questa mia richiesta il Com.te del Reparto Comando IGM, mi guardò un po’ strano dicendomi che dove andavo avrei svolto tutti i servizi di guardia e di caserma, cosa da cui in qualità di conduttore automezzi ero praticamente sollevato e che all’IGM sarei stato meglio; ma io non cambiai idea e lui facendo spallucce acconsentì al mio trasferimento.E qui la mia storia si riallaccia ai Lupi a distanza di anni dalla mia fanciullezza, perchè nella caserma presso l’aeroporto di Peretola non c’erano posti branda sufficienti per tutti i militari di leva e quindi una parte di noi,me compreso, presero alloggio proprio alla caserma Gonzaga!
Fu come tornare indietro nel tempo: ritrovai la “mia” caserma, i “miei” lupi nella loro gabbia, insomma fu come aver coronato il sogno da bambino!
Ma per mia sfortuna di li a poco le cose erano destinate a cambiare visto che i il 78° era in via di dismissione; e così successe: fu sciolto il 78°, se ne andarono i lupi  e la loro gabbia rimase per me malinconicamente vuota.Rimase solo la caserma che i nuovi “inquilini” della Folgore ci fecero girare per intero con gli armadietti sulle spalle perchè man mano che prendevano possesso della struttura, noi del 27° eravami costretti  a traslocare il posto branda; così ebbi modo di fare una cosa che forse nessun “Lupo” ha mai fatto: quella di avere il posto branda e di dormire in tutte le palazzine della caserma, I,II,III Compagnai, CCS, plotone mortai e armi di sostegno.Se la memoria non mi inganna…
Oggi,con i Lupi sciolti definitivamente e con la Gonzaga abbandonata a se stessa, io che ci passo davanti ogni giorno, non posso fare a meno di girarmi per guardarne l’ingresso ormai vuoto senza il Tricolore issato e ripensare a tutti i giorni passati in cui tutto era diverso e vivo;ogni volta che vi volgo lo sguardo sono sempre un po’ più triste,come un bambino con un sogno svanito…
Filippo Mosti



Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.